Sostegno Psicologico

Ogni individuo, durante la sua vita, affronta periodi difficili caratterizzati da forte stress, ansie, preoccupazioni. Nel nostro cammino affrontiamo spesso problemi ed ostacoli, anche molto difficili da affrontare. La maggior parte di questi li superiamo senza difficoltà. Capita però che a volte falliamo, sbagliamo o semplicemente percepiamo questi ostacoli come insormontabili: ciò può portare alla sfiducia, all’incertezza, all’ansia.

Pensieri negativi portano ad emozioni negative che si traducono in comportamenti negativi, in un circolo vizioso spesso difficile da districare. Separazioni, lutti, perdite, stress lavorativo, perdita del lavoro, turbe adolescenziali, tradimenti, cambiamenti di vita drastici: in questi casi possono mancare le abilità di coping necessarie ad affrontare il disagio psicologico collegato.

Perché lo psicologo?

Lo psicologo è formato per aiutare in queste situazioni, fornendo le strategie di coping necessarie per rielaborare la situazione/evento che causa disagio, tramite un supporto basato sulla relazione empatica, emotiva e logica.

Si interviene su vari aspetti:

  • Autostima e voglia di migliorarsi, mettersi in gioco, rischiare;
  • Resistenza al fallimento, rielaborazione del concetto di perdita e di insuccesso;
  • Motivazioni intrinseche, ricerca di obiettivi e micro-obiettivi;
  • Strategie di coping, gestione dello stress e delle emozioni;
  • Rielaborazione delle esperienze;
  • Competenze sociali e rapporto con i pari;
  • Rapportarsi al cambiamento;
  • Accettazione di se stessi, degli altri, della vita.

Il percorso sarà quindi mirato non solo al risolvimento della crisi nell’immediato, ma anche all’instaurazione di meccanismi funzionali di risposta, che permetteranno al paziente di saper reagire correttamente in futuro in maniera totalmente autonoma, senza bisogno di rivolgersi nuovamente ad un professionista.


DIAGNOSI ed INTERVENTO

Presso lo Studio Lilibeo svolgo attività di sostegno psicologico rivolto al singolo, alla coppia, alla famiglia o a gruppi omogenei. Dopo una prima fase di colloquio conoscitivo e la formulazione di una accurata diagnosi, si definirà un percorso dalla durata definita e stabile, focalizzato e centrato su degli obiettivi da raggiungere in comune accordo col paziente.

Il sostegno psicologico è indicato in tutti quei casi di disagio o sofferenza psicologica:

  • Ansia
  • Stress
  • Eventi spiacevoli
  • Turbe emotive e comportamentali
  • Problemi sociali e comunicativi
  • Problematiche adolescenziali
  • Problematiche di coppia
  • Supporto alla genitorialità
  • Altro

Provare vergogna nell’andare dallo psicologo

Molte persone provano vergogna al solo pensiero di andare dallo psicologo poiché hanno timore del giudizio negativo di amici, parenti e conoscenti. Purtroppo esiste ancora oggi in Italia (specialmente al sud) una grande ignoranza sul ruolo e la funzione dello psicologo, a differenza di altri paesi.

Può anche sorgere l’idea che il rivolgersi allo psicologo sia simbolo di sconfitta: “non ce l’ho fatta da solo”, “sono debole”, “sono pazzo e ho dei problemi”.

La realtà non potrebbe essere più diversa, e non lo dico solamente per portare acqua al mio mulino. Decidere di rivolgersi ad uno psicologo non è diverso dal decidere di andare dal dentista per un mal di denti: il principio è lo stesso. In entrambi i casi, ci si rivolge allo specialista per risolvere un problema, per modificare una situazione spiacevole in atto. Chi va dallo psicologo non è pazzo, strano, stupido o altro: è un individuo che investe su se stesso.


CONTATTAMI