Metacognizione e Attenzione

Non è facile inquadrare l’essenza della metacognizione in modo immediato ed inequivocabile. Etimologicamente parlando, il prefisso meta– sta ad indicare oltre, al di là della cognizione, quindi di tutte quelle capacità (attenzione, memoria, apprendimento, emozioni, intelligenza ecc) che caratterizzano la nostra mente. Possiamo quindi definire la metacognizione come quella capacità che hanno gli esseri umani di auto-osservare i processi interni al nostro cervello, ragionare sul proprio ragionamento, assistere e giudicare l’andamento dei propri pensieri, permettendo di conoscere, controllare ed essere consapevoli di ciò che avviene dentro la nostra mente. Questi processi sono fondamentali tutte le volte in cui ci troviamo a dover prendere delle decisioni, a dover risolvere dei problemi, a decidere quale strategia mettere in atto o ad affrontare situazioni non abitudinarie.

Le Ricerche

Non risulta difficile comprendere come in un ambiente come la scuola un controllo esecutivo e metacognitivo sia fondamentale. Molte delle prime ricerche sulla Metacognizione hanno infatti riguardato l’influenza delle strategie metacognitive nell’apprendimento. Diversi studi hanno dimostrato che con l’aumentare dell’età e parallelamente allo sviluppo di altre abilità cognitive di base come la memoria e l’attenzione, aumentano il controllo e le conoscenze metacognitive. Recentemente poi, numerose ricerche hanno dimostrato che bambini con disturbi dell’apprendimento, quindi con un livello minore di competenze, hanno minori conoscenze e controllo metacognitivi, e che se si interviene su questi ultimi aspetti, si possono ottenere grandi benefici.

Il mio ambito di ricerca

Il mio interesse riguarda il rapporto tra metacognizione ed attenzione. In particolare, studio la possibilità di intervenire potenziando le capacità metacognitive nei bambini con DSA o ADHD, migliorando le strategie di studio e l’autoregolazione dell’attenzione, al fine di ottenere migliori risultati scolastici.

Progetti di ricerca futuri

Vuoi collaborare?