Rilassamento e disturbi del sonno


Nella categoria dei disturbi del sonno rientrano un’enorme quantità di sintomatologie con cause ed espressioni anche molto diverse tra loro. Molte di queste hanno radici psicologiche e derivano da vissuti di stress e ansia nel rapporto col sonno e col dormire. Questi disturbi possono essere presenti singolarmente (in questo caso si definiscono primari) o essere dovuti ad altre condizioni (in questo caso invece si definiscono secondari).

Le ricerche

Numerose ricerche hanno dimostrato come per i disturbi del sonno primari e secondari (non causati da condizioni mediche preesistenti) siano efficaci i trattamenti psicologici e psicoterapeutici cognitivo-comportamentali (uniti ad eventuali terapie farmacologiche, ma solo nei casi più gravi). Un approccio elitario è quello basato su delle tecniche di rilassamento, come il programma MBSR (Mindfulness Based Stress Reduction), il Training Autogeno ed il Rilassamento Muscolare Progressivo, tutti con comprovata efficacia nel trattamento dei disturbi del sonno, in particolare per l’insonnia.

Il mio ambito di ricerca

Le mie ricerche si concentrano sull’attuazione e l’implementazione clinica del protocollo MBSR e di altre tecniche di rilassamento nella cura specifica dell’insonnia. In particolare studio il protocollo MBTI (Mindfulness-Based Therapy for Insomnia) del prof. Jason C. Ong.

Progetti di ricerca futuri

Vuoi collaborare?